Licenziamento di Dirigente

 

Lo scorso 10 gennaio 2019 la suprema corte di cassazione è intervenuta sul tema del licenziamento del dirigente nell’ambito di una controversia avviata da un dirigente avanti al Tribunale di Genova avente ad oggetto la contestazione sulla legittimità del licenziamento intimatogli per giustificato motivo oggettivo.

Il Tribunale decideva per la legittimità del licenziamento del dirigente e detta decisione veniva confermata in appello. Il caso riguardava un dirigente che svolgeva mansioni di responsabile del personale, amministrativo e finanziario, mansioni che poi erano state affidate direttamente all’amministratore delegato.

Contro tale decisione veniva proposto dal dirigente licenziato ricorso per cassazione. Il dirigente sosteneva che la corte di appello avesse omesso di valutare che l’amministratore delegato, figlia del presidente del consiglio di amministrazione, neolaureata ed inesperta, avesse avocato a sé esclusivamente alcune delle mansioni svolte in precedenza dal dirigente licenziato per giustificato motivo oggettivo.

La cassazione ha respinto il ricorso, evidenziando come non sia possibile sindacare nel merito della scelta imprenditoriale effettuata, nemmeno con riferimento all’allegata sostituzione di una dirigente esperta con una persona di famiglia e inesperta, trattandosi di scelta economica-organizzativa del datore di lavoro.

Secondo un costante orientamento della cassazione in tema di licenziamento del dirigente, infatti: “il licenziamento individuale del dirigente d’azienda può fondarsi su ragioni oggettive concernenti esigenze di riorganizzazione aziendale, che non debbono necessariamente coincidere con l’impossibilità della continuazione del rapporto o con una situazione di crisi tale da rendere particolarmente onerosa detta continuazione, dato che il principio di correttezza e buona fede, che costituisce il paramento su cui misurare la legittimità del licenziamento del dirigente, deve essere coordinato con la libertà di iniziativa economica, garantita dall’art. 41 cost.”

© 2017, by DirittiLavoro – Studio Legale

logo-footer