La corte di cassazione, con la sentenza del 15 maggio 2019, n. 15, ha affermato che nel rito Fornero, in caso di soccombenza reciproca nella fase sommaria e di opposizione di una sola delle parti, l’altra parte può riproporre nella fase a cognizione piena, con la memoria difensiva, le domande e le eccezioni non accolte, anche dopo la scadenza del termine per presentare autonoma opposizione.

© 2017, by DirittiLavoro – Studio Legale

logo-footer